Home Fiscale e Tributario L’imu non dovuta sugli immobili in costruzione

L’imu non dovuta sugli immobili in costruzione

979
0
CONDIVIDI
L’imu non dovuta sugli immobili in costruzione - studio russo giuseppe

La Corte di Cassazione ha stabilito che non è dovuta l’Imu per gli immobili che siano in costruzione ed anche per tutti quelli cha non risultino ancora forniti di una rendita.

Per la Corte, con la sentenza n. 17035 del 08/05/2013, il tributo non è dovuto sugli immobili in costruzione e su quelli che non hanno una rendita perché l’Imposta municipale unica è dovuta, in base alla legge, sui fabbricati e sulle aree fabbricabili.

Un bene non può essere considerato né un fabbricato né un’area fabbricabile se non è ultimata la sua costruzione oppure se non è utilizzato o, infine, se è privo di rendita. Pertanto tutti gli immobili accatastati nelle categorie F1, F2, F3, F4 ed F5 essendo appunto immobili in corso di costruzione, non utilizzati e privi di rendita non sono soggetti al pagamento dell’Imu.

Anche il Ministero dell’Economia si è allineato a questa interpretazione, mentre diversi Comuni italiani, sostengono che la vecchia legge che regolamentava l’Ici (Art. 5 del d. lgs. n. 504 del 1992), oggi Imu, prevedeva e prevede che se un fabbricato non è ultimato oppure non è utilizzato o risulta ancora sfornito di rendita, deve essere corrisposta l’Ici, ora l’Imu, sulla area sottostante che si sta utilizzando a scopi edificatori.

Print Friendly, PDF & Email

Warning: A non-numeric value encountered in /home/studioru/public_html/wp-content/themes/srg2017_2/includes/wp_booster/td_block.php on line 997