Home Finanza Finanziamenti alle comunità giovanili, motori di crescita culturale e sociale dei giovani

Finanziamenti alle comunità giovanili, motori di crescita culturale e sociale dei giovani

80
0
CONDIVIDI
Finanziamenti-alle-comunità-giovanili,-motori-di-crescita-culturale-e-sociale-dei-giovani-studiorussogiuseppe

La Regione Lazio ha emanato anche quest’anno l’invito a presentare domanda per accedere alle forme di sostegno e/o supporto a favore delle Comunità giovanili, previsti dall’art. 82 della legge regionale 7 giugno 1999, n. 6 s.m.i..

Finalità del Bando

La finalità del bando è finalizzata a favorire i seguenti obiettivi perseguiti dalle Comunità giovanili:

  • l’organizzazione della vita associativa come esperienza comunitaria al fine di favorire la maturazione e la consapevolezza della personalità nel rispetto degli altri;
  • l’educazione all’impegno sociale, civile, alla partecipazione e alle conoscenze culturali;
  • lo svolgimento di attività sportive, ricreative, sociali, didattiche, ambientali, culturali, turistiche, agricole, artigianali, artistiche e di formazione professionale.

I progetti, della durata non superiore ad un anno, dovranno essere attuati sul territorio regionale e rivolti a favore di giovani tra i 14 e i 35 anni di età.

Possono accedere ai benefici i seguenti soggetti: enti pubblici singoli o associati; enti, associazioni, consorzi di associazioni ed organismi privati comunque denominati nei cui statuti siano previste le finalità di promozione e sostegno delle comunità giovanili; autogestioni, intendendosi con tale termine le stesse comunità giovanili il cui funzionamento è attuato attraverso un regolamento da proporre all’atto della presentazione della domanda. Nel caso di proposte progettuali presentate da ATS o consorzi (tra associazioni), è richiesta l’indicazione del soggetto capofila nonché la sussistenza dei requisiti per tutti i componenti dell’ATS o del consorzio.

Ciascun proponente può presentare un solo progetto per l’accesso ai benefici.

I progetti potranno essere finanziati in base alla loro tipologia: nel caso di iniziative per la realizzazione degli obiettivi del bando saranno concessi contributi misura massima dell’80% calcolati su un importo massimo di € 25.000,00. Il restante 20% del costo totale è a carico del soggetto proponente nel caso di progetti destinati alle Comunità giovanili che operano con continuità e che hanno stabilito un consolidato legame con il territorio di riferimento, che dispongano già di una sede operativa e che svolgano quotidiana attività di aggregazione sociale il sostegno regionale non può comunque superare complessivamente il 40% della disponibilità dello stanziamento di bilancio, il contributo, quantificato nello stesso importo per tutte le Comunità, da erogarsi a tutti i soggetti individuati ed utilmente inseriti nella graduatoria che comunque non potrà essere inferiore ad euro 12.000,00 e superiore ad euro 24.000,00.

Costi ammissibili

Ai fini dell’ammissibilità i costi devono: rispettare i limiti e le condizioni di ammissibilità stabiliti dalla normativa comunitaria e nazionale nonché, per i profili di competenza, la normativa regionale di riferimento; essere direttamente ed esclusivamente imputabili al progetto, secondo le modalità e i limiti definiti nel presente documento.

Il costo, inoltre, deve essere: pertinente ed imputabile con certezza ad azioni ammissibili; effettivo, ossia corrispondente a pagamenti effettuati (ai fini della rendicontazione); riferibile temporalmente al periodo di vigenza del finanziamento: il costo deve, quindi, essere sostenuto in un momento successivo alla data di scadenza per la presentazione della domanda ed antecedente alla data stabilita per la conclusione delle azioni ivi previste.

Fanno eccezione i costi ascrivibili alla “Preparazione” del piano finanziario, che, in caso di approvazione del progetto, saranno ammessi a rimborso anche ove sostenuti in un momento precedente; comprovabile fino all’atto che ha dato origine al costo; legittimo, ossia sostenuto in conformità alle norme comunitarie, nazionali, regionali, fiscali e contabili; contabilizzato separatamente.

Costi inammissibili

I seguenti costi sono da considerare inammissibili: gli oneri finanziari (ad esclusione della fideiussione), gli interessi debitori, gli aggi e gli altri oneri meramente finanziari; le ammende, le penali e le spese per controversie legali in conseguenza di comportamenti che hanno dato origine a sanzioni amministrative, in conseguenza di violazioni di impegni contrattuali e di azioni per la tutela di interessi lesi; le spese per la costituzione e la gestione di consorzi, associazioni (anche temporanee) o gruppi di associazioni/enti.

Modalità di presentazione della domanda

Le domande e la relativa documentazione, dovranno pervenire a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento o a mano dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 14.00, a pena di esclusione, all’indirizzo:

Regione Lazio – Dipartimento Programmazione Economica e Sociale – Direzione regionale “Cultura, Sport e Politiche Giovanili” – Area “Politiche Giovanili” – Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 – 00145 Roma,

a partire dal 1° giugno ed entro e non oltre le ore 14 del 30 giugno 2016.

Sulla busta contenente la domanda dovrà essere apposto oltre i dati completi del mittente il seguente riferimento: “Domande ex art 82. L.R. n. 6/1999 e ss.mm.ii. – Comunità giovanili” (art.1, comma 3). L’intervento viene attuato con procedura valutativa a graduatoria: tutte le domande verranno istruite e, se ritenute ammissibili, parteciperanno alla formazione della graduatoria finale di merito che verrà definita in base alle modalità, ai criteri e ai punteggi previsti nel bando. Il contributo avverrà come di seguito indicato: 60% a seguito della stipula della Convenzione, nonché alla presentazione della documentazione attestante gli impegni economici assunti dal proponente e la correlativa sussistenza di crediti certi, liquidi ed esigibili da parte di terzi. Tale documentazione dovrà riferirsi a non meno del 60% dei costi progettuali ammessi al finanziamento; il saldo a conclusione del progetto, a presentazione della documentazione contabile e di un dettagliato report finale. Fonte: Determinazione 1 giugno 2016, n. G06202, B.U.R. 3 giugno 2016, n. 44, Regione Lazio

Print Friendly, PDF & Email

Warning: A non-numeric value encountered in /home/studioru/public_html/wp-content/themes/srg2017_2/includes/wp_booster/td_block.php on line 997