Home Finanza Regione Emilia Romagna Contributi per le attività professionali in Emilia Romagna

Contributi per le attività professionali in Emilia Romagna

63
0
CONDIVIDI
Contributi-per-le-attività-professionali-in-Emilia-Romagna-studiorussogiuseppe
Il Por Fesr 2014-2020, Asse 3, Azione 3.5.2 ha previsto Contributi per liberi professionisti.

Data di pubblicazione 22/03/2017
Scadenza termini partecipazione 31/05/2017 17:00
Presentazione domanda

Obiettivi

Il  bando è finalizzato al supporto di soluzioni Ict per le attività delle libere professioni e l’implementazione di servizi e di soluzioni avanzate in grado di incidere significativamente sull’organizzazione interna, sull’applicazione delle conoscenze, sulla gestione degli studi e sulla sicurezza informatica.

Beneficiari

Il bando è rivolto a:

  • Liberi professionisti iscritti agli Ordini o Collegi professionali, titolari di partita Iva ed iscritti alle rispettive Casse di previdenza, che operano in forma singola, associata o societaria;
  • Liberi professionisti non iscritti ad ordini, titolari di partita Iva, autonomi, operanti in forma singola, o associata di “studi formalmente costituiti“ (esclusa la forma di impresa), che siano iscritti alla gestione separata Inps previsto dall’art. 2, comma 26 della Legge 335/95, anche appartenenti ad Associazioni professionali riconosciute di cui alla L. n.4/2013.

Interventi ammessi

I progetti dovranno contribuire a creare opportunità di sviluppo, consolidamento e valorizzazione delle attività libero professionali tramite la realizzazione d’interventi per:

  • favorire lo sviluppo, la strutturazione delle attività libero professionali e il loro riposizionamento;
  • facilitare l‘affiancamento dell’attività professionale ai processi di efficientamento della pubblica amministrazione;
  • incentivare gli investimenti in nuove tecnologie, innovazioni di processo, in tecnologie informatiche;
  • diffondere la cultura d’impresa, dell’organizzazione e della gestione/valutazione economica dell’attività professionale;
  • consolidare le realtà professionali attraverso la stabilizzazione del lavoro.

Investimento minimo

I progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere una dimensione minima di investimento pari a complessivi € 15.000,00

Contributo concesso

Il contributo è concessa nella misura del 40% dell’investimento ritenuto ammissibile fino ad un  massimo di € 25.000,00.

Scadenze

La presentazione della domanda avviene per via  telematica tramite applicativo web Sfinge 2020. Le domande La trasmissione della domanda di contributo dovrà essere effettuata, pena la non ammissibilità, entro le seguenti scadenze:

  • dalle ore 10.00 del giorno 3 maggio 2017, fino alle ore 17.00 del giorno 31 maggio 2017. Le risorse disponibili per i progetti presentati in questa finestra ammontano ad Euro 1.000.000;
  • dalle ore 10.00 del giorno 12 settembre 2017, alle ore 17.00 del giorno 10 ottobre 2017
    Le risorse disponibili per i progetti presentati in questa finestra ammontano ad Euro 2.000.000.
Print Friendly, PDF & Email

Warning: A non-numeric value encountered in /home/studioru/public_html/wp-content/themes/srg2017_2/includes/wp_booster/td_block.php on line 997