Home Finanza Aiuti alle Pmi e alle micro aziende per l’acquisto di macchinari innovativi

Aiuti alle Pmi e alle micro aziende per l’acquisto di macchinari innovativi

30
0
CONDIVIDI
Aiuti-alle-Pmi-e-alle-micro-aziende-per-l'acquisto-di-macchinari-innovativi-studiorussogiuseppe

E’ stato pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» del 17 luglio il decreto del ministero dello Sviluppo economico del 9 marzo 2018 che prevede incentivi per l’acquisto di macchinari innovativi.

Dotazione finanziaria

Le risorse a disposizione ammontano a euro 341.494.000 a valere sul Pon «Imprese e competitività» 2014-2020 (fondi Fesr).

Beneficiari

L’intervento è destinato alle imprese operative in una delle seguenti Regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Obiettivo

L’obiettivo è quello di favorire l’implementazione di programmi di investimento innovativi che agevolino la transizione, per tali imprese, da procedure produttive tradizionali verso modalità “intelligenti”. La logica è sottesa al piano nazionale Impresa 4.0, ossia quella di sviluppare una specializzazione intelligente che consenta l’interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo, innalzando il livello di efficienza e di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica.

Chi può presentare la domanda

Possono presentare domanda le micro, piccole e medie imprese (Pmi) che, alla data di presentazione della domanda:

  • siano costituite e iscritte nel Registro delle imprese, nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e, quindi, non in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  • siano in regime di contabilità ordinaria e, se società di capitali, con almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese ovvero, nel caso di imprese individuali e società di persone, con almeno due dichiarazioni dei redditi presentate;
  • siano in regola con la normativa vigente in materia di edilizia ed urbanistica, del lavoro e della salvaguardia dell’ambiente, nonché con gli obblighi contributivi;
  • non abbiano effettuato, nei due anni precedenti la presentazione della domanda, una delocalizzazione verso l’unità produttiva oggetto dell’investimento;
  • non rientrino tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
  • non siano classificabili come imprese in difficoltà.

Possono presentare la domanda anche i liberi professionisti iscritti agli Ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali.

I settori

Ci sono, comunque, dei vincoli ai settori ammessi: semaforo verde per tutta la manifattura di cui alla sezione C della classificazione delle attività economiche Ateco 2007.

Vietato, nel dettaglio, l’accesso ai settori: siderurgia, estrazione del carbone, costruzione navale, fabbricazione delle fibre sintetiche, trasporti e relative infrastrutture, produzione e distribuzione di energia, nonché delle relative infrastrutture.

I criteri di investimento

I programmi di investimento ammissibili sono quelli con previsione di spesa compresa fra 500 mila e 3 milioni di euro per l’acquisto di sistemi e tecnologie riconducibili all’area tematica Fabbrica intelligente della Strategia nazionale di specializzazione intelligente, come elencati negli allegati alla normativa di riferimento. Si tratta di beni materiali e immateriali nuovi, che riguardano macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali.

Il bonus

Le agevolazioni prevedono un mix fra un contributo in conto impianti e un finanziamento agevolato, calcolati su una percentuale nominale del 75% delle spese ammissibili.

In particolare, per le imprese di micro e piccola dimensione, il contributo in conto impianti è pari al 35% e il finanziamento agevolato al 40 per cento. Per le imprese di media dimensione, invece, il contributo in conto impianti è pari al 25% e il finanziamento agevolato al 50 per cento.

Tipologia di impresa Contributo Finanziamento
Micro e piccola impresa 35% 40%
Medie dimensioni 25% 50%

Le richieste andranno indirizzate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa–Invitalia secondo termini e modalità stabilite da un successivo decreto direttoriale.

Print Friendly, PDF & Email